Giorno 13 – Rotterdam (OLA) > Pulvermaar (GER)


Oggi per la prima volta metto la sveglia alle 6. Se vado presto ad Amsterdam trovo poco traffico e soprattutto riesco a farmi una bella tappa, perché devo cercare di rientrare nel programma stabilito. Pertanto, in serata devo riuscire ad arrivare in Germania, non dico a sud, ma per lo meno raggiungere il centro. In campeggio dormono tutti, credo di averli svegliati quando ho messo in moto il multistrada.
Già in città e in autostrada noto poco traffico. Vorrei fare un appunto sulle autostrade olandesi, sono tutte completamente nuove e tenute benissimo dal punto di vista tecnologico e architettonico, sono veramente belle. Penso che l’Olanda abbia tratto beneficio dall’Unione Europea. Bene! Ha fatto un ottimo investimento nelle infrastrutture.
La mia guida viene distratta da qualcosa che non avevo mai visto in vita mia. Pensavo di avere le allucinazioni!
Ad un tratto, in autostrada, vedo attraversare un aereo, non in volo, era in terra. Mi rendo conto solo dopo che avevano costruito la pista di decollo e atterraggio sopra l’autostrada!
Qualcosa di spettacolare vedere un aereo di linea che ti passa sopra la testa mentre lo incroci prima del suo decollo.
In quel pezzo di autostrada c’erano tre ponti che erano le piste dell’aeroporto adiacente.
Di certo, le autostrade sono noiose e spesso anche faticose, ma stamattina mi sono veramente divertito a guidare qui.
Mi rendo conto di essere arrivato ad Amsterdam, quando un certo punto l’autostrada finisce quasi in città. Rimani già colpito dei grattacieli e Palazzi costruiti con forme particolari. Raggiungere il centro storico è stato abbastanza facile. Si nota la devastazione della sera prima, ci sono ancora delle bottiglie per terra e bicchieri in giro di cocktail. Non oso immaginare il caos che c’è stato qui la sera prima. La parte del centro è veramente bella, era proprio come me la immaginavo. Ovviamente mi fermo giusto per fare qualche foto. Sono le 8:30 e sono già fuori dalla città. È molto presto, quindi decido di iniziare a scendere verso sud.
So già dove andare. Avevo pianificato tutto ieri sera. Vado al nurburgring, proprio al circuito. Ho visto un campeggio lì vicino quindi potrei parcheggiare la moto montare la tenda e andare in autodromo.
Mi rendo conto di stare nel posto giusto dal numero di motociclisti che incrocio per strada, sto attraversando un parco. Una strada veramente bella, curve veloci e strette. Durante il rifornimento chiedo a un signore com’è la strada e lui mi fa capire che e loro posto in ogni weekend.
È la strada che tutti fanno per andare all’autodromo.
Purtroppo, però, è una di quelle strade dove molti ci lasciano la pelle.
Mi rendo conto di questo quando mi fermo per prendere un caffè in un bar, luogo di incontro di motociclisti, e vedo all’ingresso una parete con tanti quadri su cui vi erano articolo di giornale, foto e immagini di ragazzi dove la loro vita si era spenta lì.
Quando vedi quei quadri, in automatico rifletti , e ti porti l’immagine anche quando risali in moto. Paradossalmente ti aiuta a stare più calmo perché la strada non è un circuito.
Arrivo prestissimo, sono le 14! Vado direttamente al campeggio , alla reception impongono un minimo di due notti come pagamento dell’importo pari a €36. Ovviamente rifiuto l’offerta e vado avanti! Ritorno al circuito, parcheggio la moto al sicuro con blocca disco. All’interno della struttura sembra ci sia un evento dedicato con i simulatori di guida per videogiochi. Ci sono tanti ragazzi, ma soprattutto gli adulti perché nell’occasione ci sono auto da corsa esposte.
So che non è un problema con me, ho tutto il necessario per trascorrere la notte e mangiare ovunque voglia, ma devo trovare un campeggio perché ho alcuni problemi da risolvere. Lavare per l’ennesima volta le mutande, pulire la catena alla moto e fare la doccia.
Comunque non è stato difficile, se ne trovano tanti. Scelgo uno a caso a 23 km dalla mia posizione.
Compio tutte le azioni di rito e sono pronto per trascorrere la notte. Oggi è stata una bella giornata di sole. Ho sentito anche caldo, solo che durante la sera, mentre cucinavo ha iniziato a piovere!
Peccato l’acqua stava bollendo!
Ho dovuto mettere tutto al riparo e mangiare dei salumi con pane.
Mi stavo preoccupando, perché c’erano lampi e tuoni, li vedevo dalla tenda. Fortunatamente, adesso, mentre sto scrivendo sembra che abbia smesso. Quindi è arrivato il momento di mettersi a dormire.


Giorno 13
Rotterdam (OLA) – Pulvermaar (GER)

31 Agosto 2019
Km 439
Carburante 39 €
🏕️ Camping 10 €


« 1 di 2 »

Potrebbero interessarti anche...