GIORNO 5 – Brecon (ENG) > Lake District National Park (ENG)

GIORNO 5
Brecon (ENG) – Lake District National Park (ENG)

23 Agosto 2019
Km 405
18€
🏕️ Camping 8€

Oggi avrei dovuto raggiungere Liverpool per imbarcarmi per l’Irlanda. Questo è il programma che ho stilato ieri sera, cioè di arrivare più a nord possibile superando Liverpool, cosicché recupero km per il giorno successivo. Ciò mi permetterà di recuperare un giorno di viaggio in maniera tale da poterlo sfruttare per percorrere altre strade in Scozia. Percorreró la prima parte di oggi su strade alternative evitando quelle principali. Quando sarò più sveglio mi immetteró sulla M6 che porta a Manchester e Liverpool, deviando nuovamente verso il centro dell’Inghilterra, verso il Lake District National Park e mi fermerò lì per la notte cosicché domani potrò dirigermi verso la costa.
Lo stress delle autostrade sembra essere finito. Infatti, stamattina sono rimasto in tenda fino alle 9. Mi sono alzato con molta calma come se mi trovassi in piscina di un resort un resort a bere uno Spritz! Lo Spritz era solo nell’immaginazione! Ho dovuto preparami il brodo che loro chiamano caffè! Sono partito dal campeggio alle 11! Questo era un buon segno, vuol dire che ho iniziato a viaggiare 😂!
Il percorso alternativo è stato veramente bello. Ho attraversato tanti paesini con bel profumo di vacce 😁. Il problema con il navigatore è un lontano ricordo. Ho il cellulare in tasca e la signorina ogni tanto mi dice dove svoltare. Mi ci sto affezionando.
Raggiunto la M6, si ripresentano il traffico e le code, ma questa volta faccio a modo mio, all’italiana! Quattro frecce e corsia di emergenza 😂.
Il Lake District è spettacolare. Mi rendo conto che è una zona per non poveri, dai campi da golf e hotel di lusso. Ma la strada viene percorsa da tutti. Qui non c’è distinzione di dichiarazione dei redditi! È un susseguirsi di curve che costeggiano il lago. Finalmente posso dare una sistemata alle gomme ormai quasi piatte!
L’aria è fresca e pulita e il traffico si sta riducendo a dismisura.
Trovo un campeggio sulla strada, sembra carino.
Ho particolare attenzione per i campeggi, perché ho sogno che mi piacerebbe realizzare: avere un campeggio tutto mio. Prendo spunto da quelli in cui sosto, ne studio i servizi e le caratteristiche. Ne vorrei realizzare uno specifico per i motociclisti, dare loro la possibilità di soggiornare vicino la propria moto con tutto i confort e magari una piccola area officina da mettere a disposizione per loro!
Il costo del campeggio è veramente basso solo 8€ il più pagato fino a d’ora.
Vedo il titolare, un signore di una certa età, abbastanza incuriosito dal multistrada. Mi accompagna alla piazzola e iniziamo a chiacchiere. Mi racconta che è venuto spesso in Italia soprattutto per vedere la motogp al Mugello e Misano.
Ad un certo punto mi dice che anche lui ha una Scrambler Ducati.
Penso : questo sta spara minkiate!
Insiste per farmela vedere.
Tra me e me: sicuramente avrà una triumph di quelle diroccate! Siamo in mezzo alle montagne, non ho visto una concessionaria da quando sono qui!
E andiamo a vedere sta scrambler!
Mi porta in un capannone disordinato pieno di cianfrusaglie. Si sentiva una puzza di sterco di pecore, ed ho intravisto persino i topi ballare la samba sopra il trattore!
Entriamo in fienile e vedo sul cavalletto una Yamaha 350 d’epoca! Perfettamente restaurata!
This? Gli chiedo.
No! This is!
E dietro un pannello di legno in mezzo al fianile teneva un bombardone 1100 Scrambler 😂😂!
Non solo!! Aveva anche una Beta trial che usava per radunare le pecore in montagna! 😂😂💪
Insomma era un smattone con la S grande!
Aspetta! Aveva visto il drone, insiste di nuovo a seguirlo nel fianile. Entriamo in uno stanzino di legno e tira fuori un drone dji ma di quelli preistorici probabilmente il primo modello! All’interno dello stanzino c’erano diversi modellini radiocomandati, aerei ed elicotteri in caos totale.
Aveva anche un bellissimo camper FIAT, super tecnologico. Così tanto si guadagna con i campeggi? 😂
I topi gironzolavano nel capannone con una tranquillità impressionante, ormai erano abituati alla presenza dell’uomo.
Viaggiare in moto così è quello che amo! Conosci nuova gente, impari a non giudicare e distruggi i pregiudizi.
Non volevo andarmene dal quel fienile. C’era di tutto!
Ma la fame chiamava e oggi per la prima volta ho cucinato in campeggio. È stato molto gradevole e sarà una delle cose che farò sempre. Riduci di tanto i costi di viaggio ma soprattutto ti rilassa.

« 1 di 2 »
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbero interessarti anche...