Giorno 10 – Cascate di Ouzoud > Khenifra

Giorno 10 – 28/04/18
Cascate di Ouzoud  – Kerifha
Km 200
Carburante : 13€
Hotel :38€

Il campeggio alle Cascate di Ouzoud credo sia stato il più bello fin ora mai fatto. Passa primo in classifica, superando il campeggio fatto ai Trollstingen in Norvegia. Già alle 7:30 sono operativo. Ho già smontato la tenda e inizio la salita della montagna con il borsone che pesa un accidente. Del campeggio di Mohamed, l’unico punto in cui si poteva stare, era la terrazza dove ho piazzato la tenda. Bisognava tenersi lontano dalla cucina e soprattutto dai bagni. Pertanto, a metà strada mi fermo per esigenze fisiologiche. Mi sento osservato! Alle mie spalle il gruppo di scimmie viste ieri. La mattina passano dall’altro lato della montagna, ne approfitto per fare quattro chiacchiere e dopo raggiungo la moto.
Ricompongo l’attrezzatura, ma all’apertura del bauletto, una essenza di cadavere distrugge il mio olfatto! Erano i vestiti usati, quasi in stato di putrefazione😂😂😂! Necessità urgente! Un lavaggio e anche una doccia.
Durante i viaggi ci sono anche le giornate noiose, oggi è una di queste. Il tempo non è dei migliori, fa fresco. Nonostante tutto, cerco di trovare un po’ di divertimento. Un bel passo di montagna rallegra la mattinata. Percorro un tratto di strada di campagna. Questa parte del territorio è molto verde. Ci sono gli uliveti, campi estesi e molti pascoli. Tutto finisce quando risalgo un’altra montagna. Ho visto di tutto in questo tour, bufere di sabbia, forte vento, pioggia e neve, ma mancava all’appello la nebbia. Una nebbia fittissima con visibilità a 5 m. Ho percorso un passo di almeno 30 km in queste condizioni. Riuscivi a vedere le auto, ma la mia paura era di incrociare qualche mucca o asino senza fendinebbia. Oggi in realtà dovrei fare sosta in un campeggio a Bin El Oudine, a pochi km dalle Cascate di Ouzoud. Decido di andare avanti, recuperare km della tappa di domani e fermarmi a dormire in un hotel. Ho bisogno di un po’ di comodità per fare il bucato e rimettere tutto in ordine. La giornata continua ed essere grigia. Dopo vari tentativi e con l’aiuto dei poliziotti, chiedendo informazioni, trovo un albergo a Kerifha. Mi metto in modalità casalingo, lavo il necessario per i giorni seguenti ed esco a mangiar qualcosa. La via principale della città è piena di bar e street food. Al porto di Almeria, in attesa dell’imbarco, molti marocchini mangiavo il pollo. Sarà un piatto tipico? Pensai.
Era arrivato il momento di provarlo! E credetemi io adoro il pollo allo spiedo, ma come questo non avevo mai mangiato! Il trucco sono le spezie. Un profumo e sapore nuovo per il mio olfatto e palato. Mi viene servito con del riso alla curcuma, lenticchie ed una salsa ai peperoni. 😋 Con questa cena abbiamo aggiustato la giornata! Per domani sono carico! Sono a pochi km da Meknes. Credo di arrivare in mattinata e dedicherò il pomeriggio a visitare la città, sperando di non trovare il caos di Marrakech.

« 1 di 3 »

SalvaSalva

SalvaSalva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbero interessarti anche...